Nominare l’arte terapia. Quando il senso trova spazio

 

 

Per tanto tempo ho pensato che dire arte terapia spaventasse, allontanasse, rendesse tutto troppo complicato e di difficile comprensione. 

Mi sono interrogata su come alleggerire, su come rendere fluide due parole che, a seconda dei casi, possono trovarsi attaccate, staccate o divise da un trattino. 

Ho messo e tolto maiuscole, cambiato caratteri, accostato colori, edulcorato il concetto in diversi modi, con parafrasi, filastrocche, spiegazioni più o meno dettagliate.

 

Poi ho cominciato a respirare più piano e ho semplicemente scelto di proporre assaggi invece che pseudo lezioni e così la gente ha cominciato a sentire prima ancora di voler capire ad ogni costo. 

Allora le maiuscole non mi sono più sembrate essenziali, sia caratteri che forme e colori hanno smesso di preoccuparmi e il senso ha cominciato a chiarirsi spontaneamente, manifestandosi senza timore e con estremo rispetto.

 

Oggi dico e scrivo arte terapia con la profonda leggerezza che mi sento addosso ogni volta che la faccio, ovunque e con chiunque. (E adoro chiamare in causa il “fare”, perché evoca le mani sporche e la presenza sostanziale di cui queste due parole, insieme, si nutrono).

Da quando nomino l’arte terapia con convinzione, riesco meglio ad accogliere le sfumature, a riconoscere il valore dei gesti e dei movimenti che accompagnano il processo creativo, a focalizzare ogni intenzione e a tollerare l’eventuale frustrazione dei momenti apparentemente vuoti. E nello spazio speciale e definito del setting ciò che avviene, così come ciò che non avviene, ha il carattere specifico della sua stessa identità. 

Molte persone ancora si spaventano, storcono il naso o indietreggiano, probabilmente per qualche fastidio provocato dalla seconda parola o dall’accostamento stesso, ma fortunatamente, molte altre si lasciano cullare da una sensazione, qualche dubbio o alcune semplici curiosità e, più o meno ispirate, si mettono in gioco e vengono a provare.

Ecco, l’arte terapia é per chi vuole assaggiare qualcosa di nuovo, per chi sogna, per chi cerca, per chi si stupisce e per chi attende. É per chi respira e per chi osa. 

Potrebbe essere per tutti ed é per chiunque scelga di esserci.

Con il proprio nome e la possibilità di trovare una voce capace di manifestarlo.

Perché a livello simbolico di questo si tratta: i (di)segni, le tracce, i movimenti, le forme e i gesti di ogni processo creativo, donano voce a presenze sempre più consapevoli.

Proviamo quindi a non temere, non snobbare e soprattutto non nascondere l’arte terapia… Avviciniamola e lasciamo che ci sfiori senza paura, gridando o sussurrando chi siamo attraverso fogli, colori, materiali di ogni genere e mani più o meno indaffarate.

Sarà un viaggio di scoperta e valorizzazione.

Per provare a sentire, anche soltanto lievemente, cosa potrebbe accadere, contattatemi: organizzeremo insieme un assaggio e poi potrete decidere se salire in zattera o anche no…

IMG_20190820_172348409_HDR

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...